Cerca nel catalogo

Per effettuare un ordine inviare una mail all'indirizzo info@libreriacolacchi.it

Libreria Colacchi - Corso Vittorio Emanuele II, 5 - L'Aquila - Tel. 0862.25310


Titolo

ARMONIOSE BUGIE. SAGGI 1959-2007


Autore

UPDIKE JOHN; D'ANTONA G. (CUR.)


Editore

SUR


Settore / argomento

EDUCAZIONE-E-DIDATTICA


Data Pubblicazione

10-2020


Prezzo

prezzo di copertina: €  20,00


Situazione

DISPONIBILITA' IMMEDIATA


Pagine

450


ISBN

9788869982064


Stato del Libro

alle 22:21 del 18-01-2021
il titolo è disponibile in libreria

Verifica la disponibilità ora

Altre Informazioni

N.vol. 1
Peso 440
Spess. 105
Larg. 138
<A cura di>D'Antona Giulio</> <Tradotto da>Pincio Tommaso</> <Tradotto da>Pincio, Tommaso</> <Language>Lingua del testo; ita</> <PagesArabic>450</>

ARMONIOSE BUGIE. SAGGI 1959-2007




ABSTRACT / QUARTA DI COPERTINA

Accanto alla sua celebrata produzione narrativa, che gli ha valso i più importanti riconoscimenti letterari americani - tra cui per due volte il Premio Pulitzer e due volte il National Book Award - John Updike si è sempre dedicato a un'intensa attività di scrittura saggistica, firmando, nell'arco di mezzo secolo, centinaia di articoli per le maggiori riviste di letteratura del suo paese, come il New Yorker e la New York Review of Books. Philip Roth, lodandone la competenza di saggista e critico, lo ha definito «il più grande uomo di lettere del nostro tempo». "Armoniose bugie", curato da Giulio D'Antona, raccoglie il meglio di questo «secondo» Updike, controparte non meno lucida e raffinata del romanziere che tutti conosciamo. Alternando riflessioni autobiografiche, saggi e conferenze sull'arte del romanzo e del racconto, recensioni e profili di scrittori - da Melville a Kafka, da Fitzgerald a Nabokov, fino allo stesso Roth, Cheever, DeLillo, Carver - ma anche dialoghi umoristici, parodie e autoparodie (un genere particolarmente congeniale alla vena satirica dell'autore), questo libro compone il ritratto inedito di un intellettuale che non ha mai smesso di difendere l'unicità dell'immaginazione creativa, il potere misterioso e irriducibile della letteratura.