Cerca nel catalogo

Per effettuare un ordine inviare una mail all'indirizzo info@libreriacolacchi.it

Libreria Colacchi - Corso Vittorio Emanuele II, 5 - L'Aquila - Tel. 0862.25310


Titolo

GIOVAN FRANCESCO CAROTO (1480 CIRCA-1555). EDIZ. ILLUSTRATA


Autore

ROSSI F. (CUR.); PERETTI G. (CUR.); ROSSETTI E. (CUR.)


Editore

SILVANA


Settore / argomento

ARTE


Data Pubblicazione

2-2021


Prezzo

prezzo di copertina: €  39,00


Situazione

DISPONIBILITA' IMMEDIATA


Pagine

240


ISBN

9788836647828


Stato del Libro

alle 13:52 del 24-03-2021
il titolo è disponibile in libreria

Verifica la disponibilità ora

Altre Informazioni

N.vol. 1
Peso 1660
<A cura di>Rossetti Edoardo</> <Language>Lingua del testo; ita</> <EditionTypeCode>Illustrata</> <PagesArabic>240</> <IllustrationType>Illustrato</>

GIOVAN FRANCESCO CAROTO (1480 CIRCA-1555). EDIZ. ILLUSTRATA




ABSTRACT / QUARTA DI COPERTINA

Intelligente, curioso, irrequieto, vagabondo, il pittore veronese Giovan Francesco Caroto fu operoso a Mantova, alla corte dei Gonzaga, sotto l'egida di Mantegna; a Milano, al servizio di Antonio Maria Visconti; a Casale Monferrato, alla corte del marchese Guglielmo Paleologo. Conobbe e apprezzò la pittura fiamminga e nordica (tra Milano, Verona e Venezia), ma anche Raffaello e i suoi seguaci, tanto da rendere credibile l'ipotesi di un suo viaggio di studio a Roma. Esercitò la pittura, la miniatura, il disegno naturalistico, la medaglistica, la statuaria. Si dedicò soprattutto alla pittura religiosa, sia pubblica sia privata, ma raggiunse forse i suoi esiti più personali e felici nel ritratto e nella pittura di paesaggio. Questo volume è il primo strumento di carattere monografico dedicato a Caroto da cinquant'anni a questa parte. Oltre ad affrontare i diversi aspetti della sua attività con una serie di saggi e con schede dedicate alle sue opere più importanti, esso presenta un regesto documentario completo, un'antologia della fortuna critica e una panoramica della sua presenza nel collezionismo veronese. Viene analizzata anche la figura del fratello Giovanni, che fu anch'egli pittore, ma soprattutto archeologo, antiquario e probabilmente architetto.